Si intende per persona con ridotta mobilità quella che presenta ridotte capacità motorie o sensoriali.

Ad esempio si possono comprendere in questa categoria:

  • persone con difficoltà di deambulazione;
  • persone con difficoltà di prensione (ad esempio a causa dell’artrite);
  • persone con bambini in tenera età in carrozzelle o passeggini;
  • persone su sedie a ruote;
  • ciechi, ipovedenti, sordi, con difficoltà di eloquio o con altri problemi di comunicazione;
  • persone che viaggiano con parenti o amici disabili;
  • persone con un’invalidità temporanea (ad esempio a causa di un incidente o di un infortunio sportivo).

(Definizione dedotta dalla Relazione della Commissione al Consiglio d’Europa, relativa alle misure da prendere nella Comunità per facilitare l’accessibilità ai trasporti delle persone con ridotte capacità motorie – COM(93) 433 def).

« torna all'indice del glossario